Iscriviti alla newsletter, riceverai 2 eBook
1. Miracle Noodle per il tuo benessere
2. 5 cibi che UCCIDONO il grasso Rispettiamo la tua Privacy

SPEDIZIONE GRATUITA SU TUTTI GLI ORDINI! CONSEGNA IN 24/48 ORE
RSS

Messaggio di "2013" ottobre

Iniziare il pasto con le verdure fa bene alla salute e alla linea

Il consumo di verdura è senz’altro uno dei modi migliori per mantenerci in forma e in salute.

La lista dei benefici che si hanno consumando abbondanti porzioni di verdure ogni giorno è pressoché infinita, soprattutto quando si tratta di verdure biologiche, di stagione, e preferibilmente crude o solo leggermente cotte, in modo da mantenerne inalterate le proprietà nutritive.

Inserire nella nostra dieta verdure di colori diversi, inoltre, non solo permette di assumere tutta la gamma di fitonutrienti e gli antiossidanti essenziali per il nostro benessere, ma rende anche i piatti più invitanti e gustosi. I colori delle verdure, come è ormai risaputo, corrispondono infatti a sostanze che sono essenziali per il nostro benessere, per il buon funzionamento del metabolismo e per il mantenimento delle nostre cellule in buona salute.

L’abitudine di consumare una porzione di verdure crude prima dell’inizio del pasto vero e proprio, ad esempio, aumenta notevolmente i benefici derivanti dal consumo di verdure.

Questo semplice gesto, che può sembrare quasi banale in apparenza, può letteralmente rivoluzionare il vostro stile di vita e darvi incredibili benefici e vantaggi sia dal punto di vista della salute che dal punto di vista della linea e della forma fisica.

Consideriamo innanzitutto il fatto che la prima cosa che mangiamo durante un pasto è quella che ha il compito di spegnere gran parte degli stimoli della fame e dell’appetito. Ed è anche la cosa di cui ci abbuffiamo di più, proprio perchè, quando iniziamo ad ingerirla, abbiamo letteralmente una fame da lupi.

Pensate alla differenza che c’è tra una prima portata a base di verdure oppure a base di lasagne. Il dislivello di calorie ingerite nei due casi è da far girare la testa. Fatto sta che, in ogni caso, trascorso qualche minuto dall’inizio del pasto, il cervello comincia ad inviare segnali di sazietà, e tutto quello che si consuma dopo viene ingerito in quantità considerevolmente minori. Si inizia, insomma, ad essere sazi e soddisfatti.

Perciò, invece di mangiare un piattone di pasta al ragù seguito da due foglie di insalata, provate a mangiare una buona porzione di verdurine miste per cominciare, e solo dopo buttatevi sulle lasagne: la porzione che vi servirete sarà drasticamente più piccola, ma sarete ugualmente sazi.

Iniziare un pasto con le verdure, quindi, vuol dire in poche parole mangiarne di più, e quindi beneficiare maggiormente di tutte le loro proprietà salutari: l’elevato contenuto di fibre (che aiuta anche il buon funzionamento di stomaco ed intestino e, quindi, della digestione), la presenza di vitamine e minerali essenziali, l’apporto di fitonutrienti e di liquidi. L’ideale, a questo scopo, è consumare una porzione composta almeno da tre o quattro verdure diverse che possano arricchire il più possibile il vostro pasto con nutrienti preziosi.

La vostra insalata può infatti essere con pomodori, cetrioli e ravanelli, oppure con cavolo rosso, zucchine e carote tagliate a julienne, o ancora con germogli di soia, spinaci novelli e cipolle di Tropea.

Potete preparare ogni giorno una portata diversa seguendo i vostri gusti e la stagionalità delle verdure, e godervi i benefici delle verdure per la vostra salute e per la vostra linea!

Il vero sale della vita? Le spezie: il segreto per mangiare in modo sano e saporito

Mangiare troppo salato fa male. Ormai è un dato di fatto: ingeriamo ogni giorno circa 8 volte più sale di quanto sia tollerabile dal nostro organismo (per intenderci, invece di limitarci ad un grammo e mezzo, raggiungiamo tranquillamente i dieci-dodici grammi!). Questo purtroppo non avviene solo a causa delle aggiunte di sale che facciamo quando cuciniamo (e che possiamo quindi controllare e limitare): il maggior quantitativo di sale viene assunto perchè già presente in diversi alimenti come snack, insaccati, cibi preconfezionati già pronti o in scatola.

E il sale, in quantità così elevate, è causa di moltissimi problemi inerenti la nostra salute e il nostro benessere. Il mal funzionamento del cuore e l’ipertensione sono tra le più pericolose conseguenze legate ad un consumo eccessivo di sale, a cui vanno aggiunte disfunzioni a diversi livelli che colpiscono in generale tutti i nostri organi.

Anche a livello cellulare, il sale crea enormi problemi: se ingeriamo troppo sale, le nostre cellule sono costrette ad accumularlo al loro interno, ma allo stesso momento hanno la necessità di “diluirlo” per equilibrarsi con il resto dell’organismo. Così iniziano ad immagazzinare enormi quantitativi di acqua, a gonfiarsi e a produrre quel fastidioso fenomeno noto come “ritenzione idrica”.

Basterebbe ridurre il consumo di sale per avvertire immediati benefici per tutto il nostro organismo, e per notare una percettibile riduzione di gonfiore e mancanza di tono dovuti, appunto, all’accumulo anomalo di acqua nel nostro organismo.

Se da una parte possiamo immediatamente ridurre il consumo di alimenti che “nascondono” eccessivi quantitativi di sale (ad esempio, quelli che abbiamo citato sopra), dall’altra possiamo anche evitare di impiegare il sale aggiungendolo noi stessi ai nostri piatti. È anche vero però che il mangiare bene e sano non significa mangiare cibi senza sapore!

Nostre alleate nella battaglia contro la dieta ipersodica, infatti, sono le saporite e colorate spezie! Oltre a dare sapori straordinari ai nostri cibi, contengono anche preziose vitamine e principi attivi che fanno bene al nostro organismo, senza apportare sale in eccesso nella nostra dieta. Solo per citarne alcune: il peperoncino, che contiene preziosi antiossidanti ed è antibatterico, la curcuma e il curry, che fanno benissimo al sistema nervoso, la cannella, che riduce l’assorbimento degli zuccheri contenuti negli alimenti, e lo zenzero, che ha moltissime proprietà benefiche, tonificanti e digestive.

Sulle verdure, sulla carne e nelle zuppe, invece del solito pizzico di sale, mettete ad esempio un pizzico di gomasio, un condimento giapponese con semi di sesamo e un basso contenuto di sale, spesso arricchito con alghe che lo rendono ancora più sano e saporito. Trovare l’alternativa al sale è più semplice di quanto sembri: cercate nuovi sapori che rispecchino i vostri gusti, provate, sperimentate, e godetevi finalmente i vostri piatti e il vostro benessere!